Le promesse non mantenute della sanità calabrese

di Fedinando Gaetano* – Era lo scorso 5 agosto quando, come Meetup 5 Stelle Lamezia Amici di Beppe Grillo denunciavamo pubblicamente il grido d’allarme del signor Claudio di Platania, padre di un bambino di venti mesi nato con problemi di deficit psico-motori ed al quale veniva continuamente rinviato l’inizio della terapia di psicomotricità.

Al signor Claudio, che si era recato più volte presso gli uffici del distretto sanitario di Lamezia Terme, nonché dell’Asp di Catanzaro, ad inizio agosto fu promesso dall’allora direttore Giuseppe Perri che a settembre suo figlio avrebbe finalmente iniziato la terapia di cui necessita urgentemente, ora che si è ancora in tempo per diminuire il più possibile i deficit insorti a seguito di un “parto travagliato”, per il quale pende una denuncia penale atta a stabilire se vi siano stati, o meno, errori o negligenze da parte dei medici.
Settembre è oramai agli sgoccioli ma il padre del bambino continua quotidianamente a girare gli uffici territoriali dell’Asp per far notare come ancora nulla di quanto promessogli si sia concretizzato. Lo stesso dottor Perri è nel frattempo andato in pensione, per cui non vorremmo che fosse in atto il solito metodo dello “scarica barile”. Pochi giorni fa il signor Claudio, con la sua encomiabile ostinità, è finanche riuscito a farsi ricevere dal Commissario alla Sanità Regionale, Massimo Scura, il quale, a sua volta, gli ha addirittura promesso che entro questa settimana gli avrebbe mandato a domicilio uno specialista nella terapia della neuro psicomotricità.

Un ormai defunto, e decisamente chiacchierato, politico italiano soleva dire che a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca. Ecco, non vorremmo fosse stata anche in questo caso una promessa da marinaio dato che il dottor Scura, come noto, a giorni dovrebbe essere sostituito dal Ministro Grillo con un nuovo commissario regionale.

Uno dei compiti di quest’ultimo sarà proprio quello di ridurre le infinite liste di attesa che continua a presentare la sanità pubblica calabrese (e non solo a dire il vero) per molte patologie, tra cui, per l’appunto, quella relativa alla neuro psicomotricità in considerazione del, purtroppo, costante aumento del numero di bambini che nascono con deficit psico-motori.

*Attivista del Meetup 5 Stelle Lamezia
© La riproduzione del testo è consentita, purché si citi come fonte questo blog e l’eventuale autore.