Tra i due fuochi

Ne abbiamo parlato solo due giorni fa (A Scordovillo si continua a bruciare, caro sindaco.), ma ormai è fatto quotidiano.

Oggi, alle 16,30, i rom hanno ripreso i fuochi, di seguito una piccola galleria d’immagini e un video da noi realizzate.

Un solo commento (tanti altri li abbiamo già fatti), pare che negli ultimi falò (questi di oggi vengono anche da Ciampa di Cavallo), sia stato bruciato eternit, che contiene amianto, che è altamente tossico. Lo smaltimento lecito dell’eternit è operazione costosa e, per non pagare, l’eternit viene abbandonato dove capita e bruciato nei falò. Ma se bruciano significa che qualcuno deve smaltire qualcosa, o far sparire altre cose, o gli serve il rame o il ferro delle gomme. Insomma è una convergenza di interessi. Dubitiamo che brucino solo per far dispetto alla città. È la città che li ha integrati perfettamente nello smaltimento illegale. Peccato che non si indaghi in questa direzione.

Basta diossina a Lamezia